LA CASA DELLA COMUNICAZIONE

LA CASA DELLA COMUNICAZIONE

Imparare a comunicare assomiglia alla costruzione di una casa. Si procede dalle fondamenta fino al tetto, scegliendo i materiali migliori e la tecnica più adatta.

FONDAMENTA

Collaborazioni giornalistiche
Casa comunicazioneSono le basi nel mondo dell’informazione. S’impara a scrivere già a scuola e con corsi di perfezionamento, ma poi bisogna fare gavetta lavorando nel settore. C’è una differenza gigantesca tra lo stile formale di un tema o una relazione e l’immediatezza del linguaggio giornalistico! Mi ha aiutato molto muovermi nel mondo dei giornali locali dove si impara a stendere velocemente un pezzo; si capisce cos’è un attacco e s’impara a evitare frasi complicate perché il lettore vuole la notizia entro le prime dieci righe, altrimenti volta pagina e ti saluto.

COSTRUIRE LE FACCIATE

Capire come un giornale deve impaginare un pezzo, l’importanza di un titolo che cattura l’attenzione, rispettare la lunghezza giusta e calarsi nei panni del lettore per essere efficaci, aiuta anche il lavoro di copywriter e blogger.
Le agenzie di comunicazione hanno bisogno di persone un po’ collaudate nel giornalismo che sappiano scrivere, senza sommergere di chiacchiere astruse il target del loro cliente; anche se il linguaggio fosse molto tecnico e rivolto a specialisti.

Il copywriting

Andare al sodo dunque è dovere del copywriter che impara cosa sia un bodycopy (breve testo promozionale magari di sole 6-7 righe) oppure una tagline (frase breve e diretta che riassume in modo istantaneo la vocazione di una marca, un prodotto o un’azienda). Vi ricordate gli spot della Barilla conclusi immancabilmente con “Dove c’è Barilla c’è casa”? E’ un esempio tipico di tagline che accompagna il brand, il marchio commerciale che contraddistingue un prodotto. E Barilla lo usava sempre, indipendentemente dal fatto che promuovesse lasagne, rigatoni o fusilli.

E i blog?

Se il comunicatore allarga l’orizzonte al mondo dei blog e acquista confidenza con i post, diversi dagli articoli ma altrettanto incisivi grazie anche a link ipertestuali pertinenti, foto e titoli azzeccati, ha una marcia in più per farsi strada.

TETTO, FINESTRE, IMPIANTO ELETTRICO, CLIMATIZZATORE E ANTENNA SATELLITARE

Proprio come una casa, che è più bella con le giuste rifiniture, il comunicatore, che ha già sperimentato giornalismo, copywriting e blog, può mettere la ciliegina sulla torta del suo edificio professionale, scambiando conoscenze con gli altri, collaborando con giornali on line e blog specializzati, per approfondire il linguaggio dei new media.
“Work in progress” vuol dire che gli esami non finiscono mai. Ma è proprio questo che rende il mondo della comunicazione così creativo e avvincente, a dispetto delle difficoltà che incontriamo.